Google Pixel 3 recensione completa

Forse uno degli smartphone trapelati di tutti i tempi è qui, quindi potrebbe non essere una sorpresa, ma gli ultimi cellulari di punta di Google sono ufficiali. techq ha partecipato al lancio di Londra e abbiamo trascorso un periodo solido con Pixel 3, quindi ecco la nostra recensione completa.

È un peccato che quasi nulla dei telefoni Pixel 2018 fosse un segreto, rendendo il grande lancio un po ‘anti-climax. Tuttavia, la maggior parte erano per il modello più grande di Pixel 3 XL e Google ha annunciato altri nuovi dispositivi tra cui Google Home Hub e, silenziosamente, Chromecast 3.

Pixel 3: prezzo e dove acquistare

Quest’anno il Pixel 3 parte da $ 799 e sarà disponibile su 18 ottobre. Nel Regno Unito, è disponibile un po ‘più tardi 1 novembre a partire da £ 739.

In entrambi i casi si ottiene il modello da 64 GB e il salto fino a 128 GB spinge il prezzo a £ 839 / $ 899. Ordina il telefono su Google e controlla le migliori offerte di Pixel 3.

A questo prezzo, Pixel 3 è un fiore all’occhiello abbastanza accessibile, con altri più vicini a un grande. Detto questo, ci sono ancora opzioni più economiche in giro come OnePlus 6, Huawei P20 e persino il Sony Xperia XZ3.

Pixel 3: progetta e costruisci

Non c’è un enorme cambiamento di design quando si tratta del telefono Pixel di quest’anno come nel complesso, Google si attacca allo stesso stile e aspetto.

Il Pixel 3 ha uno stile distintivo sul retro con il suo effetto bicolore che non piacerà a tutti. L’iconica sezione lucida nella parte superiore ospita la fotocamera con la parte inferiore contenente lo scanner di impronte digitali.

Questa volta è un design completamente in vetro con la sezione inferiore che offre una finitura opaca che sembra sia di lusso che di lusso. Non è così avvincente rispetto a un tipico retro di vetro, ma si sente più bello e non mostrerà più i segni delle impronte digitali. Vale la pena ricordare che i rapporti suggeriscono che il modello nero mostra graffi sul retro.

È importante sottolineare che questa modifica consente anche la ricarica wireless per la prima volta su un pixel. Ne parleremo più tardi.

È la parte anteriore che quest’anno sembra ancora più diversa a causa di un cambio di proporzioni dello schermo: una tendenza del settore. Le cornici più piccole non solo hanno un aspetto migliore, ma significano che si ottiene uno schermo più grande in un corpo che è essenzialmente lo stesso.

Qualunque sia il lato della recinzione su cui ti trovi, il normale Pixel 3 è il modello senza una tacca. Pixel 3 XL, per la prima volta su un telefono Google, ha la funzione di divisione. Entrambi hanno un dosso della fotocamera, ma è piccolo e non un grosso problema.

Molti degli elementi a cui siamo abituati sono identici, quindi si ottiene una porta USB-C, nessun jack per cuffie e impermeabilità. Quest’ultimo è ora IP68 anziché IP67, quindi il lato acqua delle cose è aumentato. La nostra principale preoccupazione è la raccolta di sporco negli altoparlanti sul lato anteriore poiché sono leggermente incassati.

Le opzioni di colore sono ancora una volta Clearly White, Just Black e il nuovo Not Pink (che ha un tono di pesca nella vita reale) – ognuna con una differenza di colore accento sul pulsante laterale a parte il modello nero.

Pixel 3: specifiche e caratteristiche

Come il design, non c’è una grande revisione quando si tratta di caratteristiche e caratteristiche. Questo è più di un tipo di raffinamento di prodotto. Simile a come Apple mette in evidenza un modello “S” di iPhone.

Schermo

Il cambiamento più ovvio è il display che, come abbiamo accennato, utilizza ora un rapporto aspetto alto di tendenza. È 18: 9 per essere precisi e si attacca con una risoluzione Full HD + (1080 x 2280) e tecnologia AMOLED. Molti potrebbero essere Quad HD, ma 443ppi sono molti.

Leggi anche  Sony Xperia XZ3 vs XZ2: qual è la differenza?

Sul foglio delle specifiche è elencato come “flessibile”, ma questo non significa che abbia lati curvi come un Galaxy S9. Crediamo che sia per realizzare cornici più piccole.

Saltando da 5 a 5,5 pollici avrai più spazio per giocare. Se vuoi ancora di più, l’XL ha un display da 6,3 pollici anche se con una tacca più grande della media. In entrambi i casi è necessario abituarsi ai nuovi gesti di Android Pie, di cui parleremo in seguito.

Il display ha una funzione sempre attiva in modo che possa darti informazioni utili come ora, data e meteo senza dover accenderlo. Puoi anche decidere di visualizzare anche le notifiche e attivare Now Playing per vedere la traccia e l’artista quando la musica è in riproduzione nelle vicinanze – non è necessario Shazam.

Troviamo che il display ha un bell’aspetto nella modalità adattiva predefinita, ma puoi entrare nel menu delle impostazioni e provare altre modalità di colore. C’è anche naturale e potenziato.

Processore, memoria e archiviazione

Per quanto riguarda le specifiche di base, c’è un aggiornamento prevedibile a Qualcomm Snapdragon 845, il processore di punta dell’azienda per il 2018. La memoria rimane a soli 4 GB (nonostante le voci di un aumento del 50%)

Ancora una volta è necessario scegliere tra 64 o 128 GB di spazio di archiviazione. Scegli con saggezza perché non c’è slot per schede microSD come al solito.

Il Pixel 3 potrebbe non impostare alcun record nei nostri test di benchmark, anche se 61fps in T-Rex sembrano aver superato il limite, ma il telefono è molto fluido nella vita reale quindi non devi preoccuparti di questo fronte.

Non abbiamo riscontrato alcun ritardo notevole, in parte grazie ai componenti di fascia alta e al puro software Android. Lo abbiamo confrontato con Pixel 2 e una selezione di concorrenti, ma non abbiamo letto troppo nei numeri, dopotutto sono test di sintesi.

Macchine fotografiche

Dove altri produttori ti costringono ad acquistare il modello grande da due telefoni per ottenere fotografie migliorate, normalmente una fotocamera in più, i Pixel 3 hanno la stessa configurazione.

È interessante notare che nessuno dei due telefoni ha due telecamere nella parte posteriore. Google è fiducioso di poter offrire una fotografia e un’acquisizione video eccellenti con un solo obiettivo posteriore. Le specifiche sono le stesse dello scorso anno a 12.2Mp, apertura f / 1.8, OIS e doppio autofocus (rilevamento di fase e laser).

Il software di Google, ovvero HDR +, è la ragione per cui ha bisogno solo di un obiettivo. Una nuova funzionalità chiamata Top Shot richiederà più scatti in modo da poter scegliere il meglio, piuttosto che finire per perdere quel momento chiave. Night Sight è anche nuovo e mira ad aiutarti a ottenere grandi risultati in condizioni di scarsa illuminazione senza usare il flash con l’apprendimento automatico. Si sta avviando a novembre, però.

Nel complesso, siamo rimasti molto colpiti dai risultati della fotocamera, che semplicemente scatta belle foto con il minimo sforzo. La modalità ritratto è particolarmente impressionante e ti consente di controllare la sfocatura dello sfondo e del primo piano dopo aver scattato la foto.

Ci sono molte altre modalità da verificare, inclusa la solita selezione di Panorama, Photo Sphere, Google Lens e Slow Motion. Playground che è simile ai personaggi plonking dell’effetto AR di Sony, tra cui Marvel e Stranger Things, sulla tua scrivania o ovunque tu li desideri.

Stranamente, quindi, la nuova tecnologia è nella parte anteriore dove ci sono due telecamere. Entrambi sono 8Mp con apertura f / 1.8 o f / 2.2 e come LG V40, uno è di lunghezza focale standard mentre l’altro è grandangolare (107 gradi anziché 75) in modo da poter inserire più persone nel telaio.

La qualità è buona e puoi passare facilmente tra le due telecamere quasi senza interruzioni con un dispositivo di scorrimento nell’app della fotocamera.

Leggi anche  Recensione LG V30: ora con Oreo

Connettività e audio

C’è ancora molto di più su Pixel 3 che essenzialmente rimane lo stesso di prima con connettività simile (11ac Wi-Fi dual-band, Bluetooth 5.0, NFC e simili) e lo scanner per impronte digitali posteriori.

Ciò significa che nello schermo non è presente alcun lettore di impronte digitali (o sblocco facciale), il che è un peccato visto che è pronto per arrivare su OnePlus 6T, che sarà un rivale più economico. Ma questa tecnologia potrebbe avere problemi di dentizione e lo scanner di Pixel funziona bene, inoltre puoi usarlo per abbassare la barra di notifica se accendi questo gesto – questo è un po ‘di temperamento, però.

Google vanta un audio eccellente, nonostante la mancanza di un jack per le cuffie. Ciò significa che dovrai utilizzare gli auricolari USB-C Pixel o l’adattatore incluso. Raccomandiamo quest’ultimo perché le cuffie fornite sono, come le Pixel Buds, scomode.

La principale caratteristica audio sono gli altoparlanti stereo frontali e sono buoni ma non impeccabili. Sono certamente in grado di andare più forte della maggior parte degli altri, ma quando arrivi al terzo superiore del volume le cose si fanno piuttosto distorte e non c’è troppo basso per parlare. A circa il 50% è un bel punto debole di velocità e chiarezza.

È una cosa da poco, ma ci piace come Google abbia deciso di impostare il volume rocker come predefinito sul volume dei media piuttosto che sulla suoneria, dal momento che questo è qualcosa che si aggiusterà molto più spesso.

Durata della batteria

Una nuova funzionalità, sebbene non sia nulla di nuovo nel grande schema, è la ricarica wireless. Funziona con qualsiasi caricatore Qi.

È una gradita aggiunta e anche la capacità della batteria è leggermente più grande, a 2915 mAh. Questo è un po ‘inferiore alla media per un telefono di queste dimensioni e sebbene la durata della batteria sia ok, non è niente di speciale. Come tanti smartphone, dovrai ricaricarlo regolarmente.

La ricarica rapida lo aiuterà, così come il nuovo Pixel Stand se scegli di acquistarne uno.

Prendi il nuovo Pixel Stand e il telefono si trasformerà in una sorta di display intelligente in cui potrai controllarlo con la tua voce o con le utili icone sullo schermo. Farà anche cose intelligenti come connettersi al campanello Nest per mostrare automaticamente chi c’è alla porta, essere una cornice digitale e l’allarme Sunrise illumina lentamente lo schermo per svegliarti dolcemente. Costa £ 69 / $ 79.

Pixel 3: software e app

Non sorprende che i telefoni siano dotati di Android 9.0 Pie, anche se non sono i primi sul mercato con l’ultima versione. Abbiamo già recensito il Sony Xperia XZ3 fornito con esso.

Il cambiamento principale qui è che dovrai abituarti a gesti di navigazione simili a iPhone XS. La normale barra di navigazione a tre pulsanti è ora una singola icona.

Scorri verso l’alto e aprirai il disegno dell’app che offre suggerimenti per le app e le azioni. Fai uno sfioramento più breve e otterrai la schermata delle nuove app recenti, che offre ancora gli stessi suggerimenti per le app in basso insieme alla barra di Google.

Le app recenti ora vengono visualizzate in un elenco orizzontale anziché in quello verticale più vecchio di rolodex. Puoi scaricare le app dalla parte superiore dello schermo per chiuderle o scorrere verso il basso (o toccare) per aprirne una.

Un modo più semplice per passare da un’applicazione all’altra è utilizzare la barra di navigazione in basso. Funziona come l’iPhone X / XS, quindi scorrendo verso destra si passa all’app utilizzata in precedenza. Scorri e tieni premuto e puoi scorrere tra tutte le app, quindi lasciarlo semplicemente quando hai trovato quello che desideri.

È tutto molto diverso, soprattutto se ti sei abituato al vecchio modo di fare le cose su Android. Ti ci abituerai e dovrai farlo perché non è possibile attivare i vecchi pulsanti di navigazione.

Leggi anche  Recensione Samsung Galaxy S8 Plus: più grande non è meglio in questo caso

In caso contrario, sembra che generalmente ottieni la stessa esperienza di Google pura con l’Assistente Google a un punto dalla schermata iniziale e, ovviamente, nessun bloatware.

Ci sono un certo numero di nuovi (a volte nascosti) elementi, tra cui la sezione ‘At-a-Glance’ nella parte superiore della schermata iniziale che fornisce informazioni utili come eventi del calendario imminenti e altro ancora. Toccare su qualsiasi per ottenere maggiori dettagli.

Android Pie monitora anche come rispondi alle notifiche. Se cancelli certi di alcuni, allora ti suggerirà di disattivarli.

Anche Active Edge rimane, quindi puoi spremere il telefono per attivare diverse cose. È una sorta di funzionalità nascosta dal momento che il design del telefono non indica che è lì.

Come abbiamo trovato su altri telefoni con questa funzione (e altri come Apple Touch 3D), lo userai sempre o dimenticheresti completamente che è lì. È possibile impostare la sensibilità per evitare che accada per caso.

Il problema qui è che non è possibile personalizzarlo, quindi evoca solo l’Assistente o silenzia gli allarmi, le chiamate in entrata e simili. Sarebbe molto più utile se potessi scegliere di usarlo per altre cose come il lancio della videocamera, come puoi fare con i telefoni HTC con Edge Sense. È possibile avviare la fotocamera toccando due volte il tasto di accensione, ma ciò è più imbarazzante.

Qualcosa che stiamo ancora provando per un periodo più lungo è la funzione del benessere digitale nascosta nelle impostazioni. Ciò che ti mostra quanto tempo dello schermo stai dedicando a diverse app e fa varie cose per aiutarti a disconnetterti con il telefono, tra cui l’impostazione dei timer delle app e una modalità Winddown che combina Night Light, Grayscale e Do Not Disturb per aiutarti con il tuo ora di andare a letto.

Verdetto

Google definisce ancora una volta lo standard per i telefoni Android con Pixel 3. È un dispositivo senza pretese, in parte dovuto alla sua somiglianza con Pixel 2 e all’enorme quantità di perdite.

Ha le nozioni di base giuste, piuttosto che cercare di aggiungere un carico di nuove funzionalità di cui le persone non hanno realmente bisogno. Pixel 3 offre un design eccellente e compatto con specifiche di nucleo solide e prestazioni uniformi.

Mentre è possibile acquistare concorrenti Android meno costosi che hanno cose come un jack per cuffie e uno slot per schede microSD, il Pixel 3 ti conquisterà con le sue straordinarie fotocamere e le pratiche funzionalità di Android Pie.

Se stai cercando uno smartphone Android senza fronzoli su cui puoi contare, Pixel 3 è la scelta migliore. Vale la pena ricordare che il modello XL offre un’esperienza molto simile, ma con uno schermo più grande (inclusa una tacca) e una batteria più grande.

Google Pixel 3: Specifiche

  • Schermo Full HD HD + (2160×1080) con schermo OLED flessibile 18: 9 senza intaccatura, Gorilla Glass 5
  • Torta Android 9.0
  • Processore octa-core Qualcomm Snapdragon 845
  • GPU Adreno 630
  • 4 GB di RAM
  • Memoria da 64 GB / 128 GB, nessun supporto microSD
  • Fotocamera posteriore da 12Mp f / 1.8 con doppio autofocus
  • Fotocamera dual-selfie 8Mp + 8Mp, f / 1.8
  • Sensore impronta digitale posteriore
  • Impermeabilità IP68
  • USB-C 3.1
  • Ricarica wireless Qi
  • Batteria da 2.915 mAh
  • 6×68.2×7.9mm
  • Disponibile in Just Black, Clearly White e Not Pink
  • Schermo Full HD HD + (2160×1080) con schermo OLED flessibile 18: 9 senza intaccatura, Gorilla Glass 5
  • Torta Android 9.0
  • Processore octa-core Qualcomm Snapdragon 845
  • GPU Adreno 630
  • 4 GB di RAM
  • Memoria da 64 GB / 128 GB, nessun supporto microSD
  • Fotocamera posteriore da 12Mp f / 1.8 con doppio autofocus
  • Fotocamera dual-selfie 8Mp + 8Mp, f / 1.8
  • Sensore impronta digitale posteriore
  • Impermeabilità IP68
  • USB-C 3.1
  • Ricarica wireless Qi
  • Batteria da 2.915 mAh
  • 6×68.2×7.9mm
  • Disponibile in Just Black, Clearly White e Not Pink

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here