Recensione di Logitech G Pro Xfull

Poiché lo streaming diventa una parte sempre più grande dell’ecosistema di gioco, non è una vera sorpresa che i produttori periferici continuino a spingere per possedere lo spazio, in particolare con i loro dispositivi di punta.

Pertanto, Logitech G Pro X: una cuffia da gioco concepita sin dall’inizio per essere la migliore cuffia possibile per chiunque sia interessato allo streaming serio. La cosa impressionante è che, per la maggior parte, riesce a farlo, nonostante costino solo la metà dei suoi più grandi rivali.

Prezzo e disponibilità

Logitech G Pro X è attualmente in pre-ordine a £ 109,99 / $ 129,99 – un prezzo impressionante dato che le cuffie di punta come Razer, Turtle Beach o SteelSeries in genere partono da £ 200 / $ 200 e salgono solo da lì.

Dovrà uscire ad un certo punto alla fine di questo mese, insieme al più economico G Pro – a £ 84,99 / $ 99,99 – che offre lo stesso hardware di base ma lascia cadere alcune delle funzionalità del software e alcuni degli accessori extra.

Il professionale

Quel “Pro” nel nome del prodotto non è solo per lo spettacolo, ed è chiaro che Logitech ha progettato fin dall’inizio questa cuffia per gli streamer professionisti e coloro che aspirano ad esserlo. Ciò spiega sia i punti di forza dell’auricolare, sia i suoi pochi difetti.

Innanzitutto, è chiaramente progettato per un aspetto professionale. Gli eleganti design neri e cromati sembrano moderni mentre attingono ancora delicatamente all’estetica delle cuffie dell’emittente vintage. Molto poco riguardo al “gamer” di Pro X che urla, e oltre alle loro stesse dimensioni sono cuffie che probabilmente saresti altrettanto felice di portare in giro con te – Logitech mette persino un cavo con un microfono in linea per esattamente quello scopo.

Questo è solo l’inizio degli accessori che ottieni. C’è un microfono a braccio rimovibile, un altro cavo audio intrecciato senza un microfono in linea (per l’uso con il braccio), un cavo splitter audio per PC con connettori per microfono e cuffia separati, un DAC USB per il lato software, una custodia morbida per il trasporto e entrambi i padiglioni in similpelle e tessuto – entrambi imbottiti con memory foam.

Fondamentalmente, questa è una configurazione progettata per coprire praticamente ogni possibile caso d’uso o eventualità. Questa è una delle aree in cui manca l’auricolare Pro più economico: non include i padiglioni in tessuto, il cavo audio per microfono in linea o la custodia, quindi è un po ‘meno adatto al professionista in viaggio.

Leggi anche  Anteprima di Ring Fit Adventure

Noterai anche molta menzione dei cavi: questo è rigorosamente solo cablato, che a quanto pare è uno dei pochi compromessi per aiutare a mantenere il prezzo delle cuffie nella fascia media. Ancora una volta, questo ha senso se si rivolge ai professionisti, che probabilmente lo utilizzerebbero comunque principalmente via cavo, ma è un aspetto negativo comprensibile per chiunque cerchi semplicemente un set premium di lattine da utilizzare dal divano.

Nonostante le dimensioni, la Pro X è super confortevole. L’ho usato per ore alla volta senza sudare una tempesta, e l’opzione dei padiglioni di stoffa dovrebbe aiutare coloro che lottano con la finta pelle. È anche sorprendentemente leggero nonostante il telaio robusto, e non si blocca troppo in testa.

La Pro X non riesce a eguagliare la sensazione di “non indossare niente” delle ammiraglie di Razer, ma non riesco a pensare a cuffie da gioco che offrano un design migliore, qualità costruttiva o comfort a questo prezzo – e questo senza nemmeno toccare il suono.

Sembra serio

Ovviamente quella prospettiva professionale si riflette anche nell’uscita audio. Prendiamo prima il suono principale. Con i driver da 50 mm stai guardando una riproduzione audio molto solida qui, e per impostazione predefinita c’è un profilo audio piacevole ed equilibrato.

La Pro X è dotata di cuffie DTS: suono surround X 2.0 per un effetto aggiuntivo, ma entrambi i modelli ti offrono un panorama sonoro ricco e dettagliato che è altrettanto buono per il pugno e il crepitio degli spari in quanto è il flusso e riflusso della musica.

E questo è prima di arrivare al DAC USB. Ascolta tutto su un PC e puoi usare il software Logitech per armeggiare con il tuo equalizzatore. Non solo puoi salvare le tue impostazioni, ma anche armeggiare con i preset creati da una gamma di giocatori professionisti e streamer in collaborazione con Logitech, per ascoltare il gioco proprio come loro.

Questo è solo l’inizio del subdolo software. Ancora più impressionante è l’integrazione della tecnologia audio Blue del produttore di microfoni nella piattaforma G Hub di Logitech, che offre ai proprietari di Pro X una vasta gamma di controllo sul suono della propria voce.

Per cominciare, c’è una gamma di diverse impostazioni del microfono tra cui saltare, progettata per simulare il tono di diversi tipi di radio e trasmissione. Se non ti piace nessuno di questi, puoi andare da solo nella nitidezza dei controlli granulari, con impostazioni che includono un compressore, un de-esser e un de-popper.

Leggi anche  Recensione di Roccat Khan Pro

Per rendere più facile giudicare come suoneranno le cose, puoi registrare un breve frammento audio e ricollegarlo a te stesso prima di armeggiare con le impostazioni per ottenere un feedback dal vivo su come suonerà la tua voce, indipendentemente dal fatto che sia per ottenere il tono giusto il tuo stream o assicurati che la tua chat di gioco sia cristallina.

L’integrazione del software è abbastanza fluida e puoi renderla complessa per te come vuoi che sia. I nerd audio possono scavare in profondità mentre se non sei sicuro di poter semplicemente applicare un preset e finirlo. L’unico aspetto negativo è che è tutto solo per PC: se giochi su console ti perderai molto di ciò che rende speciale Pro X, rendendolo molto più difficile da consigliare.

Verdetto

Se giochi su PC e non ti dispiace usare un filo, Pro X è quasi un gioco da ragazzi: suono eccezionale, comfort e design a un prezzo interessante, abbinato a un software intelligente che ti farà suonare meglio di te mai avuto prima.

Sulla console è una proposta più complicata: le funzionalità del titolo non sono diffuse e, sebbene Pro X si senta ancora competitivo senza di loro, sarebbe comprensibile essere tentato da uno dei fantastici auricolari wireless che puoi trovare intorno allo stesso prezzo.